Sogni e frustrazione

Condividi
7

Nella mia vita ho sbagliato più di novemila tiri,
ho perso quasi trecento partite,
ventisei volte i miei compagni mi hanno affidato il tiro decisivo e l’ho sbagliato.
Ho fallito molte volte.
Ed è per questo che alla fine ho vinto tutto.” – Micheal Jordan

Solo chi ha è in grado di tentare tanto, può sbagliare tanto.
Sbagliare non è da perdenti o da falliti.
Solo i vincenti sbagliano, i coraggiosi, i forti.
Serve tanta forza, coraggio e capacità di contenere dolore e frustrazione per concedersi il rischio di poter sbagliare, che significa il rischio di fare.
Quando fai infatti, è facile capire che rischi di sbagliare.
Senza fare, ti illudi che questo rischio non lo corri affatto.
Ti illudei di stare al sicuro.
Ti illudi sì, perché poi col tempo, potresti accorgerti che hai fatto lo sbaglio più grande: quello di non aver tentato affatto.

Chi resta “immobile” nella propria vita infelice e abitudinaria, nella propria zona di comfort, spesso non intraprende nulla di nuovo per paura di sbagliare.
Può essere infatti molto difficile accettare l’idea e la paura di peggiorare la propria condizione.
Può essere molto difficile dover avere a che fare poi con la frustrazione di aver provato e non essere riusciti.
Solo in pochi sono in grado di accettarle questi stati d’animo.

Spesso, anche coloro che trovano dentro di se quel coraggio di iniziare a cambiare le cose, pensano che se non riescono subito, allora quella strada non è per loro.
Ci si possono raccontare mille storie pur di evitare quelle spiacevoli e inevitabili sensazioni ed emozioni che derivano dal mettercela tutta e non riuscire.
Se si vogliono realizzare i propri sogni eppure, per la maggior parte delle persone – ammesso che non sia per tutti – occorre masticarsi fino in fondo quella frustrazione, saper accettare e convivere con l’idea di non riuscire subito.

Intraprendere un’azione anche con il rischio di non riuscire, senza che questo diventi un motivo per non tentare più, accettare di sbagliare e continuare a provare.
E’ questo che nel lungo periodo fa tutta la differenza tra l’avere la possibilità di farcela e l’avere la certezza di non farcela.

Condividi
7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *